Cerca brano o autore

Ti piace "Citazioni&Poesie"?

Aiutaci a far conoscere il nostro sito! Dillo ai tuoi amici:

Puoi anche seguire la nostra pagina Facebook o scriverci un messaggio:

 

L'inverno lungo improvviso si estenua
nel maggio sciroccoso: una gelida
nitida favola che ci porta, al suo finire,
la morte - così come i papaveri
accendono ora una fiorita di sangue.
E le prime rose sbocciate son presso le tue mani esangui,
di zolfo e d'ulivi, lungo i morti binari,
vicino ad acque gialle di fango
che i greci dissero d'oro. E noi d'oro
diciamo la tua vita, la nostra
che ci rimane - mentre le rondini
tramano coi loro voli la sera,
questa mia triste sera che è tua.

 


Se il brano ti é piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Altre poesie su "Citazioni&Poesie"

Michael mio

  Moriremo, Michael, io e te, prima di toccarci almeno una volta? Toccarsi. Unirsi. Tu non puo...

Donna

Donna, non sei soltanto l'opera di Dio, ma anche degli uomini, che sempre ti fanno bell...

25 aprile

BUONA FESTA DELLA LIBERAZIONE Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta ...

Autori e Musicisti presenti nel Sito

Follow Us

Segui la nostra pagina social cliccando sul tasto "Mi Piace" e condividi i tuoi brani preferiti con la nostra Community!